Due protoni più due neutroni, ossia un nucleo di Elio.
Presenta una basso potere di penetrazione, quindi viene facilmente fermata dallo strato superficiale della pellecostituita da cellule morte, quindi non è pericolosa per l’uomo nei casi di irradiazione esterna. Può diventare invece pericolosa nelle situazioni in cui la sorgente radioattiva viene inalata o ingerita (irradiazione interna) perché in questo caso può ledere direttamente tessuti radiosensibili.

Share This