Nel periodo ad alto  rischio incendio, dall’1 luglio al 31 agosto su tutto il territorio regionale è vietato qualsiasi tipo di abbruciamento di ramaglie, potature, fogliame, ecc..

Dallo scorso 23 maggio, infatti, sono entrate in vigore le modifiche al Regolamento Forestale della Toscana, che, adeguandosi alla normativa nazionale, non prevede più deroghe legate a fasce orarie o distanze dal bosco per l’attività di abbruciamento di residui vegetali agricoli e forestali.

È vietata inoltre, qualsiasi accensione di fuochi, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all’interno delle aree attrezzate, per la quale vanno comunque osservate le prescrizioni.

In deroga, l’ente competente può autorizzare attività di campeggio anche temporaneo e fuochi anche pirotecnici.

Si ricorda che la mancata osservanza dei divieti vigenti in materia forestale, comporta l’applicazione di sanzioni amministrative che vanno da un minimo di 120 a un massimo di 2.066 euro.

Eventuali ulteriori periodi a rischio (o anticipazioni/prolungamenti del periodo) possono essere stabiliti dalla Regione Toscana, in base all’indice di pericolosità per lo sviluppo degli incendi boschivi, anche per singolo comune e dandone comunicazione al comune interessato.

 

Per chi avvista un incendio è possibile chiamare il numero verde del COP-MASSA  o 1l 115 dei VV.F.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Servizio Foreste della Provincia di Massa-Carrara ai seguenti numeri 0585 816560/1 o il Corpo Forestale dello Stato, al numero 1515.

 

Regolamento forestale della Toscana 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: