9 Novembre 2014

Il centro funzionale regionale ha  EMESSO AVVISO METEO/CRITICITÀ   Per l’ area A2-Versilia in cui è compreso il comune di Montignoso è stata emessa una CRITICITA’ ELEVATA per  rischio IDROGEOLOGICO-IDRAULICO  Valido dalle ore 00.00 di Lunedì, 10 Novembre 2014 alle ore 12.00 di Martedì, 11 Novembre 2014

Prossima emissione Monitoraggio Evento entro le ore 12,00 di Martedi, 11 Novembre 2014

10 Novembre 2014 Aggiornamento : Confermato l’ avviso di criticità ELEVATA emesso ieri e la relativa tempistica. I cumulati medi previsti secondo le nuove analisi sinottiche e dei modelli meteorologici sono i seguenti : Cumulati medi fino alle 12 di domani: area A intorno a 60 mm area B intorno a 30 mm area C intorno a 20-40 mm aree DF intorno a 10-20 mm, area E non significativi Cumulati massimi fino alle 12 di domani: area A oltre 250 mm con particolare riferimento alle zone settentrionali di A a confine con la Liguria area C 100-150 mm con particolare riferimento all’Arcipelago area B 100-150 mm aree DF 50-100 mm area E inferiori a 50 mm

FENOMENI METEOROLOGICI PREVISTI

PIOGGIA e TEMPORALI FORTI dalle ore 00.00 di Lunedì, 10 Novembre 2014 alle ore 12.00 di Martedì, 11 Novembre 2014: A partire dalle prime ore di Lunedì, fino alla prima parte di Martedì, precipitazioni a prevalente carattere di rovescio e temporale, anche di forte intensità ed associate a locali grandinate e colpi di vento. I fenomeni interesseranno inizialmente le zone di nord-ovest e l’Arcipelago, successivamente anche le altre zone occidentali e settentrionali della regione. I fenomeni risulteranno più probabili e frequenti sulle zone di nord-ovest, sull’Arcipelago e le zone costiere. Sulle zone di nord-ovest i fenomeni potranno assumere carattere di stazionarietà.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI

IDROGEOLOGICO-IDRAULICO

Criticità Elevata: Possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane. Possibili innalzamenti significativi dei livelli idrici negli alvei del reticolo idrografico principale con possibilità di erosioni spondali, sormonto di passerelle e ponti, rottura degli argini, inondazione delle aree circostanti. Possibile innesco di frane e smottamenti dei versanti in maniera diffusa ed estesa in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

 


 

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 00,08

 Un intenso sistema temporalesco è presente poco a est di Genova e in mare aperto sul Mar Ligure e si dirige verso nord-est (spezzino, alta Lunigiana). Un altro sistema temporalesco è a nord della Gorgona e si dirige nord, nord-est (Versilia, Apuane, Appennino di nord-ovest). Locali temporali hanno interessato l’Arcipelago tra Pianosa e l’Elba fino ad un ora fa, ma al momento non si registra in zona attività elettrica.
Nell’ultima ora si registrano cumulati di scarso rilievo sul nord-ovest ed attorno a 5-8 mm.
Tutti i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati risultano generalmente stabili ed al di sotto dei livelli di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore è attesa una intensificazione dei fenomeni sul nord-ovest e sull’Arcipelago con possibili temporali (localmente anche forti).
Previsti nelle prossime 3 ore cumulati massimi puntuali fino a 50-60 mm con massimi orari fino a 40 mm/h sul nord-ovest e massimi puntuali fino a 30 mm sull’Arcipelago.
Nelle successive 3 ore è prevista una ulteriore intensificazione dei fenomeni sul nord-ovest e sull’Arcipelago con maggiore probabilità di fenomeni stazionari sul nord-ovest.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli minori afferenti l’area A), nelle prossime tre ore, potranno subire incrementi, anche repentini. Potranno verificarsi inoltre repentini innalzamenti dei livelli idrometrici su tutti i corsi d’acqua delle isole (zona C4). Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 03,01

 CUM24 (21)Un’intensa linea temporalesca si estende dall’isola di Gorgona alla Versilia coinvolgendo anche le Apuane. Nelle ultime 3 ore sistema ha interessato soprattutto l’alta Versilia e la riviera apuana cumulando fino a 60-70 mm; sul resto dell’area A registrati mediamente dai 20 ai 40 mm.
Si registrano importanti incrementi idrometrici sui bacini afferenti alla zona A2, in particolare su Carrione e Ricortola. Ad Avenza (Carrione) è stato raggiunto un picco massimo di 2.18 m szi alle 02:15, mentre, alla stessa ora, nella stazione di Ricortola (Ricortola) è stato raggiunto un livello di 1.88 m szi. Generali innalzamenti sugli altri bacini settentrionali, attualmente al di sotto del primo livello di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore ancora possibilità di forti temporali sul nord ovest (area A); i fenomeni tenderanno ad estendersi all’arcipelago settentrionale e alla costa livornese (area C).
Previsti nelle prossime 3 ore cumulati massimi puntuali fino a 80 mm con massimi orari fino a 50 mm/h.
Nelle successive 3 ore non si prevedono sostanziali variazioni.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli minori afferenti le aree A – C), nelle prossime tre ore, potranno subire ulteriori incrementi repentini. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 5,59
Pluviometro di cerreto -cfr

Pluviometro di cerreto -cfr

 La linea temporalesca estesa tra la Gorgona e la Versilia si è spostata leggermente verso sud, coinvolgendo anche il settore nord del litorale livornese e il nord della provincia di Pisa. Cumulati massimi fino a 40-60 mm nel pisano e in lucchesia (aree A2, A4 e C1)

Si registrano generali incrementi idrometrici sui bacini afferenti alla zona A, attualmente al di sotto del primo livello di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore attesi ancora forti rovesci e temporali sulle zone di nord-ovest (area A), in particolare sulla costa e sulle zone limitrofe, in ulteriore estensione al litorale livornese e all’Arcipelago settentrionale (area C).
Previsti nelle prossime 3 ore cumulati massimi puntuali fino a 60 mm con intensità oraria fino a 40 mm/h.
Nelle successive 3 ore le precipitazioni interesseranno ancora costa livornese e Arcipelago (area C) e tenderanno a intensificarsi sulle zone di nord-ovest (area A).

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli minori afferenti le aree A – C), nelle prossime tre ore, potranno subire ulteriori incrementi repentini. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Nota: dall’ immagine del pluviometro del CFR situato a cerreto la pioggia che stanotte è caduta sul territorio di Montignoso ha superato di poco di 50mm, con un intensità ( le linette arancioni ) medio basse, salvo per un unico scroscio.

  • Si ricorda che si definiscono
  • PRECIPITAZIONI INTENSE: precipitazioni, di ogni tipo, caratterizzate dall’elevata intensità oraria, ovvero da elevati valori cumulati nell’unità di tempo (ora) .
    Per le varie unità di tempo di riferimento si possono indicare delle soglie per la classificazione delle precipitazioni in base all’inintensità di precipitazione (Precipitazioni cumulate sull’ora)
    deboli 0-3 mm/h
    moderate 3-15 mm/h
    intense 15-40/h
    estreme >40-50/h
  • Nel grafico le linee arancioni  indicano l’ intensità di pioggia o rain rate, sono calcolate a intervalli di 15 minuti. Questo intervallo temporale è stato scelto poichè 15 minuti è stato definito dall Servizio Meteo U.S.A. come l’ intervallo per cui un evento di pioggia possa essere considerato separato da un successivo evento.

La zona a valle , piu vicina al confine del comune di Massa, ha risentito delle cumulate eccezionali registrate sul pluviometro di Meteoapuane , situato a villa Cuturi che ha fatto registrare una cumulata di 110 mm.

 

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 09,04
CUM6 (3)

Precipitazioni cumulate nelle ultime 6 ore – Fonte CFR

 Al momento temporali e rovesci in Arcipelago e sulle zone costiere. Piogge sulla costa centro-settentrionale con cumulati massimi di 40/60 mm in 3 ore. Gli ultimi dati rilevati all’isola d’Elba registrano elevate intensità di precipitazione (10-15 mm/15 minuti).
Si registrano generali incrementi idrometrici sul bacino idrografico del F. Serchio (attualmente al di sotto del primo livello di riferimento), mentre sugli altri bacini afferenti la zona A i livelli risultano stabili e al di sotto della prima soglia di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore ancora rovesci o temporali in Arcipelago e sulle zone costiere centrali e meridionali (area C e F). Dalla tarda mattinata intensificazione delle piogge anche sull’area A con rovesci e temporali con cumulati massimi puntuali fino a 60 mm e intensità oraria fino a 40 mm/h.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli minori afferenti le aree A – C – F), nelle prossime tre ore, potranno subire ulteriori incrementi anche repentini. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 12,12

 

immagine falsi colori  meteosat- a un colore piu scuro  si associano le nubi piu alte.

nell immagine a falsi colori del meteosat- i due nuclei temporaleschi che stanno interessando le zone costiere delle aree C,D,B.

Al momento un sistema temporalesco interessa la zona di Livorno e questo sistema è destinato a spostarsi verso nord, nord-est. Nelle ultime 3 ore cumulati fino a 40-50 mm con intensità massima oraria fino a 30-40 mm/h.
Si registrano contenuti incrementi dei livelli idrometrici sui bacini idrografici del F. Magra e del F. Serchio (attualmente al di sotto del primo livello di riferimento), mentre sugli altri bacini afferenti la zona A e su quelli della zona C i livelli risultano stabili e al di sotto della prima soglia di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore ancora rovesci o temporali che dall’Arcipelago tenderanno a interessare le zone costiere spostandosi anche verso quelle interne prossime alla costa (soprattutto aree C, D, B). Nelle prossime 3 ore è attesa anche una progressiva intensificazione dei fenomeni sull’area A. Cumulati massimi puntuali nelle prossime 3 ore fino a 60 mm con intensità oraria fino a 40 mm/h.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli afferenti le zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità), nelle prossime tre ore, potrebbero subire ulteriori repentini incrementi. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. 

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 15,04

 

lll

lnell immagine a falsi colori i tre sistemi temporaleschi che stanno interessando la Versilia, L’ arcipelago e la zona di Cacina – Fonte LAMMA

un sistema temporalesco interessa la Versilia, un secondo la zona di Cecina e un terzo l’arcipelago meridionale e la maremma. Nella ultima ora si registrano cumulati sino a 15 mm nel pisano, nelle ultime 3 ore 35 mm a Livorno e 30 mm a Montecatini V. Cecina.
Al momento si registrano moderati incrementi dei livelli idrometrici presso le stazioni di monitoraggio del F. Serchio (al di sotto, comunque, della prima soglia di riferimento); sul resto della regione (sulle zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità) i livelli idrometrici risultano stabili e al di sotto della prima soglia di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore il sistema sulla Versilia muoverà verso nord interessando con forti precipitazioni anche la zona di Massa, le apuane e poi il pontremolese, il sistema su Cecina muoverà verso nord-est interessando la zona di Volterra, il sistema sulla Maremma rimarrà stazionario in mare producendo piogge di moderata intensità ma abbastanza diffuse sulla Maremma. Cumulati massimi puntuali nelle prossime 3 ore fino a 60 mm con intensità oraria intorno a 30 mm/h.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli afferenti le zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità), nelle prossime tre ore, potrebbero subire ulteriori repentini incrementi. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 18,15
1700

Nell immagine a falsi colori il sistemi temporaleschi tra la corsica e l’Elba in intensificazione – Fonte LAMMA

 Sistema temporalesco in fase di intensificazione attualmente tra Corsica ed Elba. Piogge deboli in Maremma legate a un sistema temporalesco attivo sull’Alto Lazio.
Nelle ultime 3 ore si segnalano cumulati fino a 30 mm sulla A2.
Al momento si registrano generali incrementi dei livelli idrometrici sui bacini delle zone di allerta in avviso, con particolare riferimento ai corsi d’acqua afferenti alle aree meteo A e B (in particolare sugli affluenti di sinistra del Magra). Tutti i livelli risultano al di sotto della prima soglia di riferimento. Sul Carrione e sul Frigido gli attuali livelli, pur essendo diminuiti rispetto ai valori registrati questa mattina, continuano a mantenersi su valori medi.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore il sistema temporalesco in prossimità dell’Elba tenderà a spostarsi verso nord e ad avvicinarsi all’area A. Nelle prossime 3 ore cumulati massimi puntuali sull’area C fino a 50-80 mm con intensità oraria intorno a 40-50 mm/h.
Sull’area A piogge moderate ad incremento orografico con cumulati massimi in 3 ore fino a 30-40 mm. Possibile intensificazione dei fenomeni dalle 21.
Sull’area F nelle prossime 3 ore massimi puntuali fino a 20 mm.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli afferenti le zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità), nelle prossime tre ore, potrebbero subire ulteriori repentini incrementi. In particolare nelle prossime 3 ore, data la maggiore probabilità di piogge in prossimità delle zone collinari e montuose, nonché costiere, dell’area A e C, i corsi d’acqua afferenti tali zone potranno subire gli innalzamenti più significativi anche repentini in particolare sul reticolo minore. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 21,23

 Temporali sulla Liguria di levante quasi stazionario ma in lento avvicinamento alla Toscana.
Locali temporali sull’Arcipelago.
Nelle ultime 3 ore si segnalano cumulati fino a 15 mm sull’area A1.
Livelli idrometrici in generale aumento sui bacini delle zone di allerta in avviso o caratterizzati da incrementi intermittenti (in risposta alle piogge brevi e intermittenti), principalmente sui corsi d’acqua afferenti alle aree meteo A e B (in particolare sugli affluenti di sinistra del Magra, sul Frigido, sul Carrione e gli altri corsi d’acqua della zona di allerta A2). Tutti i livelli si mantengono al di sotto della prima soglia di riferimento. Sul Carrione e sul Frigido gli attuali livelli, pur essendo inferiori ai valori registrati questa mattina, continuano a mantenersi su valori medi.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore il sistema temporalesco sulla Liguria di levante dovrebbe avvicinarsi alla Toscana interessando più direttamente la Lunigiana. Nelle prossime 3 ore potrebbero verificarsi forti temporali sull’area A con massimi puntuali anche oltre i 100 mm e intensità oraria superiore ai 50 mm/h.
Locali temporali potranno inoltre interessare l’Arcipelago (area C) e l’Argentario (area F) con massimi puntuali nelle prossime 3 ore fino a 50 mm.

Effetti al suolo: In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli afferenti alle zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità), nelle prossime tre ore potrebbero subire ulteriori repentini incrementi. In particolare nelle prossime 3 ore, data la maggiore probabilità di piogge in prossimità delle zone collinari e montuose, nonché costiere, dell’area A e C, con particolare attenzione ai corsi d’acqua più prossimi al confine con la Liguria (tra Genova e Sestri Levante sono in atto sistemi temporaleschi di forte intensità) e quindi con particolare attenzione sia agli affluenti del Magra, sia al Magra stesso, sia infine ai bacini minori marittimi delle Alpi Apuane, saranno possibili, qualora si verificasse lo spostamento verso l’Alta Toscana del sistema temporalesco descritto nell’evoluzione meteo, innalzamenti consistenti dei livelli idrometrici di tali corsi d’acqua. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. 

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 00,04

 

pioggia cumulata nell' ultima ora - Fonte CFR

pioggia cumulata nell’ ultima ora – Fonte CFR

Temporali sulla Liguria di levante con locale interessamento dell’Alta Lunigiana.
Estesa ed intensa linea temporalesca tra la Corsica e Livorno con le intesità di precipitazione più elevate (deducibili da radar) in mare.
Nelle ultime 3 ore si segnalano cumulati fino a 20 mm sull’area A1, in provincia di Massa-Carrara.
Livelli idrometrici dei bacini settentrionali e costieri centro-settentrionali in generale aumento o caratterizzati da incrementi intermittenti (in risposta alle piogge fino ad ora brevi e intermittenti). Tutti i livelli si mantengono al di sotto della prima soglia di riferimento. La stazione di Torre del lago sul lago di Massaciuccoli registra il raggiungimento del primo livello di criticità. Sul Carrione e sul Frigido gli attuali livelli, pur essendo inferiori ai valori registrati questa mattina, continuano a mantenersi su valori medi.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore potranno essere interessate da attività temporalesca la costa centro settentrionale, la Lunigiana, la Garfagnana, le Apuane e l’Arcipelago (aree A e C). Su A e C (in particolare la parte settentrionale) nelle prossime 3 ore si prevedono cumulati massimi fino a 100 mm con intensità oraria intorno a 50 mm/h.
Su F non sono attesi cumulati di rilievo nelle prossime 3 ore.

Effetti al suolo: [In conseguenza dell’evoluzione meteo prevista, i livelli idrometrici dei corsi d’acqua monitorati (in particolare quelli afferenti alle zone di allerta interessate dal presente Avviso di Criticità), nelle prossime tre ore potrebbero subire ulteriori repentini incrementi. Nelle prossime 3/6 ore massima attenzione al bacino del F.Magra e a tutto il suo reticolo minore (Lunigiana), ai bacini minori delle Alpi Apuane, in particolare quelli marittimi, alla Garfagnana e al reticolo minore non monitorato dell’Arcipelago (in particolare Arcipelago settentrionale), nonché infine ai bacini costieri o prossimi alla costa dell’area pisana e lucchese e parte dell’area livornese. Su tutte queste aree i corsi d’acqua potranno subire possibili innalzamenti consistenti e repentini dei livelli idrometrici. Le piogge previste e la saturazione del suolo nelle aree interessate dalle pregresse precipitazioni, favoriscono condizioni di rischio per fenomeni di dissesto idrogeologico, con possibilità di innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica./spoiler]

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 03,13

 pc1Una vasta ed intensa linea temporalesca si estende tra la Corsica e il litorale centro-settentrionale toscano. Nelle ultime 3 ore i massimi precipitativi si sono concentrati verosimilmente in mare, mentre dalle ultime immagini radar e satellitari sembrano interessare in maniera più diretta anche le zone costiere. Si segnalano cumulati fino a 25 mm sull'area C1, fino a 20 mm sull'area A, inferiori altrove.
Nelle ultime ore nessuno dei livelli idrometrici dei bacini monitorati ha registrato incrementi significativi. Tutti i livelli si mantengono al di sotto della prima soglia di riferimento tranne che la stazione di Torre del Lago sul lago di Massaciuccoli dove è stato raggiunto il primo livello di riferimento. Sul Magra, Carrione e Frigido gli attuali livelli continuano a mantenersi su valori superiori al livello di magra.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore il sistema temporalesco tenderà a risultare più attivo su gran parte dell'area A e C (sottoaree C4, in particolare Elba e a nord di essa, C3 e C1); per le prossime 3 ore si prevedono cumulati massimi fino a 60 mm con intensità massima oraria fino a 30 mm/h.
Sulle sottoaree C2, D2, B4 e B3 sono attese precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio, con cumulati fino a 20 mm.
Sull'Arcipelago meridionale non si escludono locali rovesci con cumulati non significativi.
Sull'area F non sono attesi cumulati di rilievo nelle prossime 3 ore.

Effetti al suolo:Nelle prossime ore, in considerazione delle piogge previste nella sezione dell'evoluzione meteo, si potranno verificare innalzamenti dei livelli idrici soprattutto nella parte nord occidentale della regione, bacini del Magra e bacini marittimi della Versilia (Carrione, Frigido, Camaiore, Versilia ecc..). In generale non si prevedono diffuse criticità idrauliche del reticolo principale anche se non sono escluse problematiche localizzate in concomitanza dei fenomeni più intensi sia su porzioni limitate del reticolo principale o sul reticolo secondario. Locali criticità saranno possibili anche sulle isole dell'Arcipelago. Inoltre, saranno possibili fenomeni di dissesto idrogeologico con innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. In considerazione del perdurare delle piogge il livello del lago di Massaciuccoli potrà subire ulteriori incrementi.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 06,00

 

pioggia cumulata sul pluviometro di Cerreto. 76,3 mm nelle ultime 24 ore e 135 mm da inizio evento. Fortunatamente l' intensità si è sempre tenuta bassa.

pioggia cumulata sul pluviometro di Cerreto. 76,3 mm nelle ultime 24 ore e 135 mm da inizio evento. Fortunatamente l’ intensità si è sempre tenuta bassa.

La linea temporalesca tra la Corsica e il litorale centro-settentrionale toscano si sta lentamente attenuando. Nuova linea temporalesca in formazione sulla Liguria è prevista insistere sul Genovese. Nelle ultime 3 ore si segnalano cumulati massimi fino a 30 mm sull’area A3, A2 e C1. Intensità massima oraria su B4 pari a 14 mm/h.
Per quanto riguarda i livelli idrometrici si segnala l’incremento significativo dei torrenti Tora e Fine oltre che il permanere sopra la prima soglia di riferimento della stazione di Torre del Lago sul Lago di Massaciuccoli. Gli altri idrometri dei bacini monitorati non registrano incrementi significativi. Sul Magra, Carrione e Frigido gli attuali livelli continuano a mantenersi su valori superiori al livello di magra. 

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime 3 ore il sistema temporalesco tra la Corsica e il nord-ovest della regione potrà persistere sulle stesse aree, tuttavia è atteso in graduale attenuazione; per le prossime 3 ore si prevedono cumulati massimi fino a 20-30 mm su A e C e con intensità massima oraria fino a 10-15 mm/h.
Sulle sottoaree D2, B4 e B3 sono attese precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio, con cumulati fino a 10 mm.
Sull’area F non sono attesi cumulati di rilievo nelle prossime 3 ore.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore, in considerazione delle piogge previste nella sezione dell’evoluzione meteo, saranno possibili innalzamenti comunque contenuti dei livelli idrici più probabili nella parte nord occidentale della regione, bacini del Magra e bacini marittimi della Versilia (Carrione, Frigido, Camaiore, Versilia ecc..). In generale non si prevedono diffuse criticità idrauliche del reticolo principale. Sui torrenti Fine e Tora saranno ancora possibili ulteriori incrementi del livello non facilmente quantificabili. Permane la possibilità di fenomeni di dissesto idrogeologico con innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. In considerazione del perdurare delle piogge il livello del lago di Massaciuccoli potrà subire ulteriori lievi incrementi.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 09,14

 Linea temporalesca tra la Corsica e il litorale centro-settentrionale toscano. Piogge al più di moderata intensità sulla costa centro-settentrionale e zone adiacenti. Nelle ultime 3 ore cumulati massimi fino a 15 mm in provincia di Lucca e Massa-Carrara (sub-aree A1, A2, A3). Intensità massima oraria fino a 10 mm/h.
Si registrano livelli idrometrici in aumento sul Serchio (a valle di Borgo a Mozzano), generalmente al di sotto del primo livello di riferimento. Il livello del Lago di Massaciuccoli alla stazione di Torre del Lago è in aumento, al di sopra del secondo livello di riferimento (0.41 m szi). A causa delle piogge intermittenti, sul Magra e sui bacini costieri dell’area A permangono livelli idrometrici superiori al deflusso medio del periodo, attualmente inferiori al primo livello di riferimento. Su tutti gli altri fiumi monitorati, livelli stabili o in diminuzione.

Meteo: Si conferma la previsione emessa nel precedente monitoraggio. Nelle prossime 3 ore il sistema temporalesco tra la Corsica e il nord-ovest della regione potrà persistere sulle stesse aree, tuttavia è atteso in graduale attenuazione. Per le prossime 3 ore si prevedono cumulati massimi fino a 20-30 mm su A e C e con intensità massima oraria fino a 10 mm/h.
Sulle restanti aree oggetto d’avviso precipitazioni poco significative nelle prossime 3 ore.

Effetti al suolo: Sul Serchio è previsto il transito della moderata piena alla sezione di Vecchiano nel pomeriggio di oggi 11 novembre. Nelle prossime ore, in considerazione delle piogge previste nella sezione dell’evoluzione meteo, saranno possibili innalzamenti comunque contenuti dei livelli idrici più probabili nella parte nord occidentale della regione, bacini del Magra e bacini marittimi della Versilia (Carrione, Frigido, Camaiore, Versilia ecc..). In generale non si prevedono criticità idrauliche. Il livello del lago di Massaciuccoli permarrà al di sopra delle soglie di riferimento. Permane la possibilità di fenomeni di dissesto idrogeologico con innesco di frane e smottamenti dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. In considerazione del perdurare delle piogge il livello del lago di Massaciuccoli potrà subire ulteriori lievi incrementi.

Monitoraggio evento - emesso il 09/11/2014 12,36

 Nelle ultime tre ore, deboli piogge sull’area A con cumulati non significativi. Rovesci in mare che assumono il carattere temporalesco in Arcipelago meridionale e davanti alla costa di F.
Si registrano livelli idrometrici in contenuto aumento sul Serchio (a valle di Ripafratta), al di sotto del primo livello di riferimento. Il livello del Lago di Massaciuccoli alla stazione di Torre del Lago è stabile ed intorno al secondo livello di riferimento. Su tutti gli altri fiumi monitorati, livelli stabili o in gradule diminuzione, attualmente al di sopra del deflusso medio del periodo.

Meteo: Per la giornata di oggi precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio o temporale, più probabili e frequenti sulle zone occidentali.

Effetti al suolo: Sul Serchio è prossimo il transito della moderata piena alla sezione di Vecchiano. Nelle prossime ore, in considerazioe della prevista attenuazione delle piogge sulle zone oggetto dell’Avvviso (ad eccezione dell’Arcipelago), si prevodono graduali decrementi dei livelli idrometrici sul reticolo monitorato. Sul lago di Massaciuccoli tuttavia, per le prossime ore, il livello idrometrico potrà permanere intorno alle soglie di riferimento. potrà subire ulteriori lievi incrementi. All’occorrrenza delle piogge residue, considerata la elevata saturazione del suolo, saranno possibili locali fenomeni di dissesto idrogeologico in zone collinari e montuose e sui versanti ad elevata pericolosità idrogeologica.

 

Il Pluviometro di Cerreto Il Pluviometro di Porta Fornace 

ilmonitoraggio

cfr2 lamma mi

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: