8 Gennaio 2016

BOLLETTINO DI VALUTAZIONE DELLE CRITICITÀ
Emissione di Venerdì, 08 Gennaio 2016, ore 11.24
Aggiornamento di  Sabato, 09 Gennaio 2016 ore 11.18 

FENOMENI METEOROLOGICI PREVISTI

Una perturbazione atlantica è in transito sulla nostra regione.
PIOGGIA:
sulle zone nord occidentali (province di Massa-Carrara, Lucca, Pistoia, Prato) fino sera di domani, domenica, precipitazioni diffuse, più frequenti e persistenti sui rilievi di nord-ovest. Nella sera di oggi, sabato, le piogge potranno localmente assumere carattere di rovescio o temporale (temporali più probabili sulle province di Massa-Carrara e Lucca).
Sulle restanti zone della regione dalla sera di oggi, sabato, fino alle prime ore di domani, domenica, precipitazioni sparse, più frequenti sui rilievi del Pratomagno e del Casentino. Tra la sera di oggi, sabato e le prime ore di domenica, le precipitazioni potranno localmente assumere carattere di rovescio o temporale (temporali più probabili sulle province di Pisa e Livorno).

Cumulati attesi fino alle 24 di domani, domenica:
medi intorno a 40-50 mm sui rilievi di nord ovest con massimi fino a 70-90 mm.
medi intorno a 20 mm sulle rimanenti zone settentrionali con massimi fino a 40-50 mm sui rilievi.
medi intorno a 10 mm sul resto della regione con massimi fino a 30 mm in occasione dei temporali più intensi.


 

 

Tempistica

Montignoso (MS) (ZONA: V)
RISCHIO TEMPISTICA CRITICITÀ
IDROGEOLOGICO
IDRAULICO RETICOLO MINORE
dalle ore 00.00 Sabato, 09 Gennaio 2016
alle ore 00.00 Domenica, 10 Gennaio 2016alle ore 00.00 Lunedì, 11 Gennaio 2016
GIALLO

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI

IDROGEOLOGICO
IDRAULICO RETICOLO MINORE

Criticità Giallo: Possibilità di innesco di frane superficiali/colate rapide di detriti o fango in bacini di dimensioni limitate e ruscellamenti superficiali anche con trasporto di materiale con conseguenti possibili danni localizzati alle infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali esposti; possibile innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, occlusioni delle luci dei ponti, ecc); possibile scorrimento superficiale delle acque nelle strade con fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque piovane e con possibile tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse, dei locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo le vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; possibili temporanee interruzioni della rete stradale e/o ferroviaria in prossimità di impluvi, canali, zone depresse (sottopassi, tunnel, avvallamenti stradali, etc.) e a valle di porzioni di versante interessate da fenomeni franosi; possibili limitati danni alle opere idrauliche e di difesa delle sponde, alle attività agricole, ai cantieri, agli insediamenti civili e industriali in alveo; possibili criticità connesse a localizzate cadute massi.

 

 


 

 

 


ilmonitoraggio

600px-Brosen_windrose_It.svg Anemometro

cfr2 lamma mi

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: