13 Ottobre 2014 Il centro funzionale regionale ha  EMESSO AVVISO METEO/CRITICITÀ   Per l’ area A2-Versilia in cui è compreso il comune di Montignoso è stata emessa una CRITICITA’ MODERATA per  Temporali  Valido dalle ore 07.00 di Lunedì, 13 Ottobre 2014 alle ore 00.00 di Martedì, 14 Ottobre 2014

 IL centro Funzionale Regionale ha emesso nuovo AVVISO METEO/CRITICITÀ Valido dalle ore 13.30 di Lunedì, 13 Ottobre 2014 alle ore 18.00 di Martedì, 14 Ottobre 2014. Per l’ area A2 dove è ricompreso il comune di Montignoso è stata confermata la tempistica inserita nell’ avviso precedente. Dalle ore 13.30 di Lunedì, 13 Ottobre 2014 alle ore 00.00 di Martedì, 14 Ottobre 2014.

Per tutta la giornata di Mercoledi 15 la criticità prevista è di livello GIALLO  ( Ordiaria )

FENOMENI METEOROLOGICI PREVISTITEMPORALI FORTI dalle ore 07.00 di Lunedì, 13 Ottobre 2014 alle ore 00.00 di Martedì, 14 Ottobre 2014: dalle prime ore di lunedì forti temporali interesseranno dapprima le zone nord-occidentali (province di Massa-Carrara, Lucca) e nel corso della mattinata tenderanno gradualmente a estendersi alle altre province. I temporali potranno essere accompagnati da grandine e colpi di vento. Tendenza a esaurimento dei fenomeni in serata.

Cumulati medi intorno a 40-50 mm su A, 30-40 mm su B, C, D, 20 mm su E, F.
Cumulati massimi previsti:
fino a 100-130 mm sull’area A;
fino a 80-100 mm su B,C,D;
fino a 40-80 mm su E,F.
Intensità oraria fino a 40-60 mm.

Aggiornamento : oggi alta probabilità di forti temporali, anche accompagnati da grandine e colpi di vento, in trasferimento/estensione dalle zone nord-occidentali (province di Massa-Carrara, Lucca) al resto delle zone centro-settentrionali e successivamente a quelle sud-orientali in serata.
Cumulati medi:
50-70 mm su A e B; 30-40 mm su C, D; 20-30 mm su E, F.
Cumulati massimi previsti:
100-150 mm od oltre sull’area A; 80-100 mm su B,C,D; 40-80 mm su E,F.
Intensità oraria oltre i 50 mm.
Domani, con maggiore incertezza legata alla evoluzione del sistema, nuova possibilità di forti temporali più probabili sulle zone centro-meridionali nella seconda parte della giornata. In questo secondo evento si stimano intensità orarie di oltre i 50 mm e cumulati puntuali sui 100 mm su EF e con minor probabilità su CD.

 

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI
IDROGEOLOGICO-IDRAULICO

Criticità Moderata: Domani lunedì 13 ottobre a partire dalle zone settentrionali della Regione e in estensione alle altre zone in mappa si prefigurano scenari con possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane. Possibilità di innalzamento dei livelli idrici nei corsi d’acqua con conseguenti possibili inondazioni localizzate nelle aree contigue all’alveo. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.
Aggiornamento :  L’evento meteorologico atteso, in contenuto ritardo rispetto alle proiezioni modellistiche di ieri, ha determinato una rivalutazione idro-meteorologica con un conseguente prolungamento dei fenomeni rilevanti fino alla seconda parte di domani come indicato nella tabella di cui sopra, con possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane con allagamento dei sottopassi e dei locali interrati. Possibilità di innalzamento dei livelli idrici nei corsi d’acqua con conseguenti possibili inondazioni localizzate nelle aree contigue all’alveo. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

I temporali

L’Organizzazione Meteorologica Mondiale  WMO definisce il temporale come «una perturbazione atmosferica locale, prodotta da un cumulonembo, ( un tipo di nube ) sempre associato ad attività elettrica e tuoni, di solito accompagnato da forti venti, pioggia intensa e, qualche volta, grandine. Solitamente di breve durata.»

downloadQuindi un temporale è un fenomeno “locale” ovvero di limitata estensione territoriale ( piove a Massa ma non a Forte dei Marmi ) dura di solito poco è sempre associato a fulmini, tuoni, pioggia che a volte ha intensità notevole. La quantità di pioggia che può scaricare su un territorio può essere anche di diverse centinaia di millimetri e  quindi potenzialmente in grado di fare danni.

Dal punto di vista della fisica dell’ atmosfera un temporale è una macchina termodinamica e come tutte le macchine ha bisogno di  ” combustibile” , di una “strada” su cui muoversi e ovviamente di qualcosa che lo “accenda”. Se anche solo una di queste componenti non è presente in quantità adeguata il temporale non si innesca.

Il combustibile è il vapore acqueo contenuto nell’ atmosfera ( magari portato da un vento caldo-umido come lo scirocco). La strada è un opportuno profilo termico verticale dell’ atmosfera ( più fredda man mano che si sale ).  Un innesco  può essere dato da diversi fattori, a volte molto piccoli e difficilmente misurabili : un elevato riscaldamento dei fianchi delle montagne o uno sbarramento sinottico a un fronte in avvicinamento.

Si possono pimagesrevedere i temporali? No. Per ragioni matematiche di risoluzione delle equazioni differenziali che descrivono lo stato dell’ atmosfera.

Però, possiamo conoscere attraverso l’ analisi di opportuni parametri, come la CAPE e il Lifted Index, se ci sono le condizioni perchè siano presenti i tre fattori di prima, e in che misura. Questi dicono: quanta energia c’è in gioco (non dobbiamo dimenticare che un grammo d’acqua, passando dallo stato di vapore allo stato liquido, libera 600 calorie) e se c’è la strada per l’ innesco di temporali.

 

 

E..se Come comportarsi in caso di: Temporali 

 

Monitoraggio evento - emesso il 13/10/2014 07.39
Situazione .Un forte sistema temporalesco sta interessando la Liguria, in Toscana al momento non si registrano precipitazioni. Allo stato attuale tutto il reticolo monitorato risulta in stato di quiete al di sotto dei livelli di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: le ultime informazioni confermano l’evoluzione prevista, i forti temporali tenderanno a spostarsi dalla Liguria verso la Toscana in mattinata interessando dapprima le zone nord-occidentali (province di Massa-Carrara, Lucca) per poi estendersi alle altre province. I temporali potranno essere accompagnati da grandine e colpi di vento. Tendenza a esaurimento dei fenomeni in serata. Cumulati medi intorno a 40-50 mm su A, 30-40 mm su B, C, D, 20 mm su E, F. Cumulati massimi previsti: 100-150 mm o oltre sull’area A; 80-100 mm su B,C,D; 40-80 mm su E,F. Intensità oraria oltre i 50 mm.

Effetti al suolo:  Nelle prossime ore in considerazione delle piogge previste si attendono generali innalzamenti dei livelli idrometrici su tutto il reticolo oggetto del presente Avviso di Criticità. In concomitanza dei fenomeni temporaleschi più intensi, gli innalzamenti idrometrici potranno essere anche repentini in corrispondenza dei corsi d’acqua minori. Saranno antresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità..

Monitoraggio evento - emesso il 13/10/2014 12.29
Immagine Meteosat Canale del Visibile alle ore 12,00

Immagine Meteosat Canale del Visibile alle ore 12,00

Situazione .Forti sistemi temporaleschi stazionano sulla Liguria, nuovi sistemi sono in avvicinamento dal mare, un isolato sistema temporalesco sta interessando/ha interessato i rilievi della lunigiana con intensità moderata. Allo stato attuale tutto il reticolo monitorato risulta in stato di quiete al di sotto dei livelli di riferimento con l’eccezione della parte alta del Magra dove a Piccatello si è superata temporaneamente la prima soglia di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: L’attivazione dei fenomeni non è ancora iniziata, ma le condizioni stanno diventano via via più favorevoli all’innesco di temporali di forte intensità. L’evoluzione prevista rimane simile a quello sinora segnalato, con i fenomeni dapprima sulle zone nord-occidentali (province di Massa-Carrara, Lucca) per poi estendersi alle altre province tra il pomeriggio e la sera. I temporali porteranno prevalentemente forti piogge ma potranno essere accompagnati da grandine e colpi di vento. I cumulati previsti con le ultime informazioni sono leggermente più alti sulle zone A e B. Cumulati medi: 50-70 mm su A e B, 30-40 mm su C, D, 20-30 mm su E, F. Cumulati massimi previsti: 100-150 mm o oltre sull’area A; 80-100 mm su B,C,D; 40-80 mm su E,F. Intensità oraria oltre i 50 mm.

Effetti al suolo:  nelle prossime ore in considerazione delle piogge previste si attendono generali innalzamenti dei livelli idrometrici su tutto il reticolo oggetto del presente Avviso di Criticità, in particolare, in questa fase iniziale, sul reticolo delle aree di vigilanza A e B. In concomitanza dei fenomeni temporaleschi più intensi, gli innalzamenti idrometrici potranno essere anche repentini in corrispondenza dei corsi d’acqua minori. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità..

Monitoraggio evento - emesso il 13/10/2014 ore 17,03
Pioggia Cumulata nelle ultime 6 ore

Pioggia Cumulata nelle ultime 6 ore

Situazione .Un forte sistema temporalesco nato nei pressi della Gorgona sta interessando la costa settentrionale e si muove verso le zone interne della Toscana (verso est, nord-est), mentre altri sistemi temporaleschi interessano ancora la Lunigiana. Allo stato attuale si registrano innalzamenti dei livelli idrometrici sui corsi monitorati della porzione settentrionale della regione; in particolare, sul fiume Magra si segnala il superamento della prima soglia di riferimento in corrispondenza della sezione di Ponte Magra (2.25 m szi alle ore 16.45) anche se il livello è in fase di diminuzione. Sulle rimanenti parti del territorio regionale il reticolo monitorato risulta in stato di quiete al di sotto dei livelli di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime ore è previsto un peggioramento delle condizioni meteorologiche su tutta la regione. I temporali, di forte intensità, potranno essere accompagnati da forti colpi di vento e grandinate e si estenderanno a tutta la regione. Cumulati medi previsti per le prossime 6 ore: A e B 40-60 mm con massimi puntuali fino a 80-100 mm, 30-40 mm su CD con massimi fino a 70-90 mm, 15-25 mm su EF con massimi puntuali fino a 30-70 mm. Cumulati medi di tutto l’evento: 40-60 mm su A e B, 30-40 mm su C, D, 20-30 mm su E, F. Cumulati massimi previsti: 100-150 mm o oltre sull’area A; 80-100 mm su B,C,D; 40-80 mm su E,F. Intensità oraria oltre i 50 mm.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore in considerazione delle piogge previste si attendono generali innalzamenti dei livelli idrometrici su tutto il reticolo oggetto del presente Avviso di Criticità, in particolare, in questa fase iniziale, sul reticolo delle aree di vigilanza A B C e D (porzione occidentale). In concomitanza dei fenomeni temporaleschi più intensi, gli innalzamenti idrometrici potranno essere anche repentini in corrispondenza dei corsi d’acqua minori. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità. .

Monitoraggio evento - emesso il 13/10/2014 ore 23,28
pioggia cumulata nelle ultime 24 ore

pioggia cumulata nelle ultime 24 ore

Situazione .Un forte sistema temporalesco in linea si estende dalla provincia di grosseto a quella di Arezzo e muove verso est; un sistema temporalesco di minor entità è in sviluppo sul mare a nord della corsica e muove verso la costa toscana.
Allo stato attuale si registra il solo idrometro di Ponte Magra al di sopra della prima soglia di riferimento; da evidenziare che su tale bacino gli altri idrometri monitorati registrano livelli in fase di diminuzione. In corrispondenza dei bacini afferenti la porzione centro-settentrionale, centrale e parte di quella centro-meridionale della regione, si registrano innalzamenti idrometrici, con i livelli che si mantengono al di sotto dei valori di riferimento. Sulle rimanenti parti del territorio regionale il reticolo monitorato risulta in stato di quiete (al di sotto dei livelli di riferimento).

Evoluzione
Meteo:  Nelle prossime ore il sistema su grosseto-arezzo continuerà a muovere verso est con precipitazioni di forte intensità. Il sistema sul mare probabilmente interesserà la costa tra livorno e la versilia a breve (1 ora) ma non sembra che possa assumere carattere stazionario o intensificarsi. Durante le ore notturne la probabilità di forti temporali tende a diventare medio-bassa (ovvero non esclusi ma poco probabili), con maggior probabilità sulle zone centro-meridionali (siena-arezzo-grosseto). Cumulati previsti per le prossime 2-3 ore: 40-60 mm puntuali su EF, 20-40 mm su ACD. Nelle ore notturne: possibili (medio-bassa probabilità) 30-50 mm puntuali e in forma isolata su EF.

Effetti al suolo:  Nelle prossime ore in considerazione dei temporali previsti si attendono generali innalzamenti dei livelli idrometrici in corrispondenza di tutte le zone di allerta in avviso con particolare riferimento a quelle afferenti ai bacini centro-meridionali. In concomitanza dei fenomeni temporaleschi più intensi, gli innalzamenti idrometrici potranno essere anche repentini in corrispondenza dei corsi d’acqua minori. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità..

Nota: Alle 00.00, allo scadere dell’ avviso  la criticità sul territorio del Comune di Montignoso passerà da Moderata a Ordinaria.

Per saperne di più : Vigilanza o allerta ?  

0615Situazione .Un forte sistema temporalesco lungo una linea che va da sud-ovest verso nord-est si estende dall’alto Lazio fino all’Umbria e le Marche; un altro sistema temporalesco di minor entità è sul Mar Ligure e si muove verso la Liguria e la parte più settentrionale della provincia di Massa-Carrara.
Allo stato attuale si registrano livelli idrometrici stabili o in diminuzione al di sotto dei valori di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime ore il sistema temporalesco sull’alto Lazio e l’Umbria tenderà lentamente ad interessare la nostra regione (zone orientali delle province di Grosseto, Siena, Arezzo) muovendosi verso ovest, nord-ovest; altri sistemi temporaleschi potrebbero nascere un po’ più nell’interno di queste province. Cumulati previsti per le prossime 5-6 ore: 50-60 mm puntuali su EF, 20-40 mm su D (più probabilmente parte meridionale). Le precipitazioni potrebbero intensificarsi dal pomeriggio estendendosi verso ovest, nord-ovest.

Effetti al suolo:   Saranno possibili innalzamenti dei livelli idrometrici, anche repentini, in corrispondenza dei fenomeni temporaleschi più intensi previsti, con particolare riferimento al reticolo minore. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità..

Monitoraggio evento - emesso il 14/10/2014 ore 12,56

Situazione .Un forte sistema temporalesco staziona tra la provincia di Grosseto e Siena.
Allo stato attuale si registrano livelli idrometrici stabili o in diminuzione al di sotto dei valori di riferimento.

Evoluzione 
Meteo: Nelle prossime ore sulle zone centro-meridionali saranno ancora probabile la persistenza/formazione di forti temporali. Questi temporali potranno avere intensità dell’ordine di 50 mm/h e essere eventualmente accompagnati da colpi di vento e grandinate. Cumulati previsti per le prossime 5-6 ore: 50-100 mm localmente su EF, sino a 50 mm localmente su D (più probabilmente parte meridionale).

Effetti al suolo:  Saranno possibili innalzamenti dei livelli idrometrici, anche repentini, in corrispondenza dei fenomeni temporaleschi più intensi previsti, con particolare riferimento al reticolo minore. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità..

Monitoraggio evento - emesso il 15/10/2014 ore 8,15

1415Situazione .Forti temporali di breve durata interessano le zone centro-settentrionali della regione. I cumulati massimi nell’ultima ora si attestano sui 20-30 mm.
Al momento si registrano contenuti innalzamenti dei livelli idrometrici sui corsi d’acqua del F. Ombrone Pistoiese, Bisenzio e Sieve (area di vigilanza B). Sul F. Albegna i livelli idrometrici sono in fase di ulteriore diminuzione e si approssimano a ritornare pressoché ai valori prima evento.

Evoluzione 
Meteo:  I sistemi temporaleschi si presentano forti ma di breve durata e muovono velocemente verso est. Ancora per la mattina sono possibili fenomeni che si formano sul mare ed interessano le zone costiere settentrionali, per poi transitare verso le zone interne. Cumulati puntuali orari previsti intorno a 50 mm/h.
Dal pomeriggio fenomeni meno probabili sulle zone centro-settentrionali, ancora possibilità di residui fenomeni sulle zone orientali.

Effetti al suolo: Anche nelle prossime ore saranno possibili ulteriori innalzamenti dei livelli idrometrici sui corsi d’acqua delle zone settentrionali, in particolare relativamente ai corsi d’acqua afferenti al reticolo minore ed in corrispondenza dei fenomeni temporaleschi previsti più intensi. Saranno altresì possibili inneschi di criticità idrogeologiche sulle zone ad elevata vulnerabilità. Sulle zone meridionali interessate dall’evento di ieri, nelle successive ore non sono previste particolari criticità da segnalare, se non quelle già in atto dovute a localizzati smottamenti attivi o anche in fase quiescente. Sotto il profilo idrometrico bassa probabilità di innalzamenti dei livelli. Seguire tuttavia con attenzione il prossimo monitoraggio evento previsto in uscita entro le ore 12.00 ed i prossimi aggiornamenti idro-meteo previsti in pubblicazione entro le ore 13.00 (in considerazione comunque dell’instabilità atmosferica ancora presente). .

Monitoraggio evento - emesso il 13/10/2014 ________

Situazione .

Evoluzione 
Meteo: 

Effetti al suolo:  .

 


ilmonitoraggio

cfr2 lamma mi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: