Il centro funzionale regionale ha emesso ha EMESSO AVVISO METEO/CRITICITÀ Valido dalle ore 15.00 di Domenica, 20 Ottobre 2013 alle ore 00.00 di Martedì, 22 Ottobre 2013
Per l’ area A2-Versilia in cui è compreso il comune di Montignoso è stata emessa una criticità MODERATA per Rischio IDROGEOLOGICO-IDRAULICO

Prima emissione Monitoraggio Evento entro le ore 15,00 di Lunedi, 21 Ottobre 2013

imagearFENOMENI METEOROLOGICI PREVISTI

PIOGGIA e TEMPORALI FORTI dalle ore 15.00 di Domenica, 20 Ottobre 2013 alle ore 00.00 di Martedì, 22 Ottobre 2013: Dal pomeriggio di oggi, Domenica, e per tutta la giornata di domani, lunedì, precipitazioni diffuse e persistenti anche a carattere di rovescio o temporale di forte intensità a partire dalle zone nord occidentali e in estensione graduale al resto della regione.
Cumulati medi in 24 ore sulle aree A, B e parte settentrionale di C fino a 60-80 mm, cumulati massimi fino a 150-200 mm in particolare sui rilievi. Sulla restante parte di C e sulla F cumulati medi in 24 ore fino a 50-70 con massimi fino a 90-120 mm. Sulle aree D ed E cumulati medi in 24 ore fino a 40-60 con massimi fino a 90-120 mm. Su queste ultime 2 aree le precipitazioni tenderanno a divenire più persistenti dalla mattina di domani.

ATTENZIONE QUESTO AVVISO CONFERMA IL PRECEDENTE EMESSO IERI PER LE ZONE A1, A2, A3, A4, B3, B4, B5, C1.

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI

IDROGEOLOGICO-IDRAULICO
Criticità Moderata: Possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane. Possibilità di innalzamento dei livelli idrici nei corsi d’acqua con conseguenti possibili inondazioni localizzate nelle aree contigue all’alveo. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Previsione Grafiche da Modello
pcp12hz2_web_5_2nell’ immagine le precipitazioni cumulate previste dal modello ARW-GFS del Consorzio LaMMa tra le 12 UTC ( 14 ora locale ) di Domenica e le 00 UTC ( le 02 ora locale ) di Lunedi. Dalla scala cromatica associata i cumulati previsti in questo intervallo di tempo sono dell’ ordine di 50/60 mm/12h

Aggiornamento ore 15,00 del 20 Ottobre 2013

Situazione:
Al momento i primi temporali vengono segnalati in Liguria. Deboli precipitazioni in atto sull’area A.

Evoluzione
Meteo: Nelle prossime 6 ore si prevede un graduale peggioramento sulle aree oggetto dell’avviso di criticità con temporali anche di forte intensità, inizialmente a carattere sparso, ma progressivamente più frequenti.
Effetti al suolo: Niente da segnalare. Al momento tutti i livelli idrometrici risultano stabili in condizioni di quiete.

Aggiornamento ore 18,00 del 20 Ottobre 2013

Situazione:
Nelle ultime tre ore si segnalano deboli piogge sull’area A con punte massime fino a 10-15 mm.
Al momento tutti i livelli idrometrici risultano stabili in condizioni di quiete.

Evoluzione
Meteo: Nelle prossime 6 ore si prevede un graduale peggioramento sulle aree oggetto dell’avviso di criticità con temporali anche di forte intensità, inizialmente a carattere sparso e più probabili sulle aree A e B, ma progressivamente più frequenti. Cumulati massimi attesi nelle prossime 6 ore intorno ai 50-70 mm in particolare sui rilievi. Ulteriore intensificazione dei fenomeni dopo la mezzanotte.
Effetti al suolo: Nelle prossime ore in concomitanza con i fenomeni piovosi più intensi potranno verificarsi criticità localizzate ad opera principalmente del reticolo minore.

Aggiornamento ore 22,00 del 20 Ottobre 2013

Situazione
Nelle ultime tre ore si segnalano precipitazioni molto intense sull’Area A1 in particolare alle stazioni di Bagnone (147 mm), Villafranca (93 mm) e Iera (87mm)
Al momento livelli idrometrici in aumento nel bacino del fiume Magra con particolare riferimento al torrente Bagnone. Nei restanti bacini livelli stabili in condizioni di quiete.

Evoluzione
Meteo: Successivamente al precedente monitoraggio è iniziato a piovere intensamente sull’Area A1. L’ulteriore intensificazione preannunciata per dopo la mezzanotte risulta già in atto determinando i cumulati descritti sopra. Nelle prossime 2 ore si prevede che le precipitazioni possano insistere con intensità molto elevate (40-50 mm/h) sull’area A1 e che possano gradualmente andare ad interessare anche altre porzioni dell’area A (tendenzialmente più a sud di quelle attualmente interessate) e successivamente l’area B in avviso.
Effetti al suolo: Nelle prossime 2 ore in concomitanza con i fenomeni piovosi più intensi potranno verificarsi criticità localizzate ad opera principalmente del reticolo minore.

Aggiornamento ore 00,00 del 22 Ottobre 2013

Situazione:
Nelle ultime tre ore si sono registrate ancora precipitazioni intense su diverse stazioni delle aree A1 e A3 con cumulati intorno ai 50-80 mm (punta massima a Bagnone con circa 100 mm ultime tre ore e 160 mm ultime nelle ultime 4-5 ore). Nelle ultime 1-2 ore comunque le precipitazioni più intense si registrano sulle aree A3 e A2 con punte orarie tra 40 e 60 mm
Livelli idrometrici in rapido aumento degli affluenti del fiume Magra con particolare riferimento al torrente Bagnone, Taverone e Aulella. Elevati innalzamenti anche del Torrente Carrione e del Frigido, adesso con livelli in diminuzione. Livelli idrometrici in incipiente aumento nella parte alta del bacino del Serchio (Camporgiano) e della Lima. Nei restanti bacini livelli stabili in condizioni di quiete.

Evoluzione
Meteo: Nelle prossime 6 ore si prevede che le precipitazioni possano insistere con intensità elevata (40-60 mm/h) sull’area A (in particolare su A3, A2 e A4, in particolare a ridosso dei rilievi; non si esclude tuttavia la possibile ripresa delle precipitazioni anche sull’Area A1 dove comunque dovrebbero risultare meno persistenti di quanto verificatosi nelle ore precedenti). Le precipitazioni, comunque intense, sono attese estendersi anche alle aree B3 e B5 (già oggetto dell’avviso in corso) e successivamente anche alle altre zone della B. I cumulati sulle sei ore potranno essere ancora rilevanti laddove i fenomeni assumeranno carattere di persistenza (localmente anche 100-150 mm e oltre). Si conferma inoltre, che dalle 00 entrano in avviso di criticità anche le zone rimanenti della C e l’intera area F; su queste aree permane ancora il rischio di fenomeni temporaleschi di forte intensità, localmente persistenti, anche se probabilmente a carattere più sparso.
Effetti al suolo: A causa delle forti piogge cadute nel bacino del Fiume Magra e delle precipitazioni ancora in atto si registreranno incrementi del livello in alveo delle stazioni monitorate di valle (Calamazza) e ancora degli affluenti con particolare riferimento all’Aulella. Incrementi si potranno avere ancora sul Carrione, Frigido e sul Camaiore. A causa delle piogge in atto e previste si prevedono innalzamenti dei livelli idrometrici dei fiumi Lima e Serchio, dell’Ombrone Pistoiese, Bisenzio e Sieve. Per le prossime ore si conferma la possibilità di criticità idrologiche ed idrauliche in particolare in concomitanza con i fenomeni piovosi più intensi.

Cerreto

nota:ogni linea arancione corrisponde alla precipitazione caduta in 15 minuti.

Aggiornamento ore 06,00 del 21 Ottobre 2013

Situazione:
Nelle ultime tre ore si sono registrati cumulati superiori ai 100 mm in alcune stazioni delle aree A2 e A3 (massimi di 150 mm a Fornovolasco e a Barga). Nelle ultime 24 ore in 4 stazioni (A3) si sono superati i 200 mm (massimo di 280 mm a Gallicano). Dai dati relativi all’ultima ora le intensità maggiori si rilevano sempre sulle aree A3 (40-60 mm/h) e A2, B1 e B3 (25-35 mm/h). Sono comunque in atto precipitazioni diffuse a prevalente carattere temporalesco Su tutta la parte meridionale dell’Area A (A2, A3, A4), tutta l’area B e parte della D (principalmente D3).
Livelli idrometrici in aumento sopra il primo livello di riferimento nel Bacino del Serchio e Versilia dove sono in crescita e transito le portate di piena da monte a valle. Livelli molto elevati anche sui Fiumi Ombrone Pt. e Bisenzio dove nelle sezioni di monte si sono raggiunti valori tra i massimi storici e sopra le soglie di riferimento elevate. Superamento della prima soglia di riferimento anche sul Torrente Arbia.

Evoluzione
Meteo: Nelle prossime 3 ore si prevede che le precipitazioni possano insistere con intensità elevata (40-50 mm/h) e persistenza su tutte le aree attualmente interessate dai fenomeni, ovvero gran parte dell’area A (in particolare A2 e A3) e tutta l’area B; temporanee attenuazioni dei fenomeni sono possibili, ma potranno essere seguite da ulteriori temporali. Si prevede inoltre che le precipitazioni possano ulteriormente interessare l’area D ed estendersi all’area E (almeno le porzioni più settentrionali). Cumulati che nelle tre ore potranno ancora localmente superare i 100 mm in particolare a ridosso dei rilievi.
Sulle aree C e F, persiste la possibilità di temporali intensi, ma a carattere sparso. Anche nel corso della mattinata non si attende un miglioramento significativo, si attendono pertanto ancora temporali intensi anche rilevanti con ulteriori cumulati localmente superiori ai 100 mm in particolare su area A, B, D ed E, nelle ulteriori 6 ore successive.
Effetti al suolo: A causa delle forti piogge cadute e delle precipitazioni ancora in atto e stimate per le prossime ore, si prevedono, ulteriori incrementi del livello in alveo con particolare riferimento ai Fiumi Serchio e Lima, Versilia, Ombrone Pt, Bisenzio, Sieve. In particolare per il Serchio si prevede ad ora almeno il significativo superamento di tutte le soglie di criticità moderata da monte verso valle. Per l’Ombrone Pt ed il Bisenzio si prevede, in considerazione dei livelli di monte, innalzamenti significativi alle sezioni di valle di Poggio a Caiano e S. Piero a Ponti con possibile superamento della seconda soglia di riferimento. Innalzamenti dei livelli anche significativi sono previsti sui bacini centro meridionali. Per tutto il giorno si conferma la persistenza di criticità idrologiche ed idrauliche già in atto su tutte le aree settentrionali della Regione e la possibilità di criticità localizzate in concomitanza dei fenomeni più intensi nelle aree centro meridionali.

Aggiornamento ore 09,00 del 21 Ottobre 2013

Situazione: Precipitazioni diffuse temporalesche su gran parte della regione. Nelle ultime 3 ore cumulati massimi fino a 40-60 mm sulle aree A3, A2, B1, B5, e in alcune zone delle aree D ed E. Punte massime orarie fino a 25-30 mm/h.

Meteo: Nelle prossime ore si prevedono ancora temporali forti su gran parte della regione. I temporali saranno più persistenti sulla parte sud dell’area A, sulle aree B ed E, e sulle parti nord dell’area D e C. Sulle altre zone i fenomeni sono attesi a carattere più intermittente. Cumulati che nelle prossime tre ore potranno raggiungere 80-100 mm. Anche nel corso del pomeriggio non si attende un miglioramento significativo, si prevedono pertanto ancora possibili temporali intensi che comunque potrebbero divenire generalmente più intermittenti.

Effetti al suolo: A causa delle piogge cadute nel corso delle ultime ore e di quelle previste nelle prossime tre ore, si prevedono ulteriori incrementi dei livelli nelle sezioni di valle del bacino del Fiume Serchio; in particolare, nella sezione di Vecchiano si prevede il passaggio dell’onda di piena nelle prossime ore con possibile superamento della seconda soglia di riferimento. Sul Fiume Ombrone Pistoiese è in atto il significativo passaggio dell’onda di piena nella sezione di Poggio a Caiano. Innalzamenti dei livelli anche significativi sono previsti sui bacini centro meridionali e dell’Arno. Per tutto il giorno si conferma la persistenza di criticità idrologiche ed idrauliche già in atto su tutte le aree settentrionali della Regione e la possibilità di criticità localizzate in concomitanza dei fenomeni più intensi nelle aree centro meridionali.

CUM24_2Nota: pioggia cumulata sul territorio della Regione Toscana nelle 24 ore. Fonte CFR

Aggiornamento ore 09,00 del 21 Ottobre 2013

Situazione: Al momento un’area di precipitazioni temporalesche è attiva dalle province di Pisa e Livorno verso l’aretino (aree BCDE). Altrove piogge più sparse e generalmente di minore intensità. Precipitazioni con intensità massima oraria fino a 30-40 mm e sulle tre ore fino a 60-80 mm.

Evoluzione

Meteo: Si conferma l’evoluzione meteo del precedente monitoraggio, pertanto nelle prossime ore si prevedono ancora temporali forti su gran parte della regione. Le precipitazioni saranno più probabili sulle zone interne, in particolare aree DE, parte meridionale di B e aree interne di AC in lenta estensione all’area F (in particolare la parte settentrionale). Altrove le precipitazioni tenderanno a essere meno frequenti (parte settentrionale di AB e zone costiere di C).
Cumulati che nelle prossime tre ore potranno raggiungere 80-100 mm.
Anche nel corso del pomeriggio si manterranno condizioni di marcata instabilità con locali forti temporali che comunque potrebbero divenire generalmente più intermittenti.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore a cause delle forti precipitazioni in atto e previste nelle zone interne della regione (in particolare sulle zone di allerta afferenti alle aree DE e parte meridionale di B) saranno possibili ulteriori criticità ad opera sia degli affluenti del fiume Arno (in particolare su Greve, Ema, Pesa, Mugnone, Elsa) sia del reticolo minore. In tali aree sono molto probabili allagamenti diffusi anche dovuti a esondazioni per sormonto. Sui fiumi Bisenzio e Ombrone Pt ulteriori lente diminuzioni del livello anche se non si escludono temporanei e repentini innalzamenti del livello in concomitanza dei fenomeni piovosi più intensi. Innalzamenti repentini del livello idrometrico saranno possibili su tutti gli altri affluenti di sinistra del fiume Arno con possibili criticità localizzate in concomitanza con i fenomeni piovosi più intensi. Saranno inoltre possibili innalzamenti, anche reperntini, sui bacini costieri centro-meridionali. Innalzamenti su tutto il bacino dell’Ombrone Grossetano, in particolare sulle zone di alimentazione. Sull’asta principale del fiume Serchio si prevedono ulteriori graduali abbassamenti del livello.

Aggiornamento ore 09,00 del 21 Ottobre 2013

Situazione

Al momento un’area di precipitazioni temporalesche è attiva tra le province di Firenze, Siena e Arezzo (aree BDE). Altrove piogge più sparse e di minore intensità. Precipitazioni con intensità massima oraria fino a 50-60 mm e sulle tre ore fino a 60-80 mm.

Evoluzione

Meteo: Si conferma l’evoluzione meteo del precedente monitoraggio, pertanto nelle prossime ore si prevedono ancora temporali forti. Le precipitazioni saranno più probabili sulle zone interne, in particolare aree DE, parte meridionale di B e aree interne di AC in lenta estensione all’area F (in particolare la parte settentrionale). Altrove le precipitazioni tenderanno a essere meno frequenti (parte settentrionale di AB e zone costiere di C).
Cumulati che nelle prossime tre ore potranno raggiungere 80-100 mm.
Anche nel corso del pomeriggio si manterranno condizioni di marcata instabilità con locali forti temporali che comunque potrebbero divenire generalmente più intermittenti.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore a cause delle forti precipitazioni in atto e previste nelle zone interne della regione (in particolare sulle zone di allerta afferenti alle aree DE e parte meridionale di B) saranno possibili ulteriori criticità ad opera sia degli affluenti del fiume Arno (Canale della Chiana, Ambra, Mugnone, Greve, Ema, Pesa, Era, Elsa) sia del reticolo minore. In tali aree saranno possibili allagamenti anche dovuti a esondazioni per sormonto. Sui fiumi Bisenzio e Ombrone Pt ulteriori lente diminuzioni del livello anche se non si escludono temporanei e repentini innalzamenti del livello in concomitanza dei fenomeni piovosi più intensi. Innalzamenti repentini del livello idrometrico saranno possibili su tutti gli altri affluenti di sinistra del fiume Arno con possibili criticità localizzate in concomitanza con i fenomeni piovosi più intensi. Saranno inoltre possibili innalzamenti, anche reperntini, sui bacini costieri centro-meridionali. Innalzamenti su tutto il bacino dell’Ombrone Grossetano, in particolare sulle zone di alimentazione (Arbia e asta principale). Sull’asta principale del fiume Serchio si prevedono ulteriori graduali abbassamenti del livello.

Il CENTRO FUNZIONALE HA ESTESO CON AVVISO DI CRITICITà EMESSO IN DATA 21 OTTOBRE FINO ALLE 12,00 DI DOMANI IL PRECEDENTE AVVISO.

PER SEGUIRE GLI AGGIORNAMENTI > Allerta meteo 21 ottobre 2013

 

MONITORAGGIO METEOROLOGICO
Cerreto_pluviometro

Cava Fornace pluviometro

Radar ARPAL-Liguria

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: