Sismico

Il Comune di Montignoso appartiene al distretto sismico della Lunigiana-Garfagnana , dal catalogo parametrico CPTI11 disponibile su web all’indirizzo http://emidius.mi.ingv.it/CPTI11 si può ricavare la sua sismicità storica.

Dallo stesso catalogo si possono estrarre i terremoti storici che hanno avuto maggiori ripercussioni nella zona del Comune di Montignoso. Spicca tra tutti il terremoto del 7 Settembre 1920 che raggiunse effetti locali del 7, 8 grado della scala Mercalli-Cancani- Sieberg con una magnitudo momento Mw di 6,48 e che si può ritenere come il massimo evento atteso e su cui si è costruita la pianificazione per il rischio sismico.

screenshot-emidius.mi.ingv.it 2015-03-03 12-26-58

Nota : Nel Novembre 2010 la Toscana ha ospitato un’ esercitazione internazionale di protezione civile denominata: “Terex 2010″, ovvero Tuscany Earthquake Relief EXercise. L’esercitazione, ha avuto luogo in Toscana, tra la Garfagnana e la Lunigiana, ed ha previsto la simulazione di un terremoto di magnitudo 6.4, analogo a quello che si era verificato nella stessa zona il 7 settembre del 1920. Maggiori informazioni possono essere reperite sul sito del Dipartimento della Protezione Civile all’ indirizzo : http://www.protezionecivile.gov.it/cms/view.php?dir_pk=395&cms_pk=18658

Con l’Ordinanza PCM 3274/2003 (GU n.108 dell’8 maggio 2003) si è av viato in Italia un processo per la stima della pericolosità sismica secondo dati, metodi, approcci aggiornati e condivisi e utilizzati a livello internazionale. Per la prima volta si è delineato un percorso per il quale venivano definite le procedure da seguire, il tipo di prodotti da rilasciare e l’applicazione dei risultati. Un documento di tale tipo avrebbe infatti costituito la base per l’aggiornamento dell’assegnazione dei comuni alle zone sismiche.. Questo percorso infine ha portato alla realizzazione della Mappa di Pericolosità Sismica 2004 (MPS04) che descrive la pericolosità sismica attraverso il parametro dell’accelerazione massima attesa con una probabilità di eccedenza del 10% in 50 anni su suolo rigido e pianeggiante.

Dopo l’approvazione da parte della Commissione Grandi Rischi del Dipartimento della Protezione Civile nella seduta del 6 aprile 2004, la mappa MPS04 è diventata ufficialmente la mappa di riferimento per il territorio nazionale con l’emanazione dell’Ordinanza PCM 3519/2006 (G.U. n.105 dell’11 maggio 2006). le mappe sono reperibili nel sito dell’ INGV

screenshot-zonesismiche.mi.ingv.it 2015-03-03 12-32-10

Con Deliberazione GRT n°431 del 19 giugno 2006 la Giunta Regionale della Toscana approvava la riclassificazione sismica del territorio regionale, applicando (prima fra tutte le regioni italiane) i criteri nazionali riportati nell’O.P.C.M. 3519 del 28 aprile 2006, di cui la Mappa di Pericolosità Sismica in figura 1 ne rappresenta l’Allegato 1.B. Infatti la legislazione nazionale prevede che l’aggiornamento delle zone sismiche spetti alle singole Regioni e Province Autonome, sulla base dei criteri definiti a scala nazionale.

class_relazione2012_page41_image7Poichè il Comune di Montignoso non ha porzione del territorio comunale interessato da accelerazioni riconducibili alla zona sismica 2 (accelerazione ag>0.15g, come previsto dalla tabella riportata nell’Allegato 1.A dell’Ordinanza P.C.M. 3519 del 28 Aprile 2006) è stato declassato a Zona 3.