9 Febbraio 2014

Il centro funzionale regionale ha  Emesso Domenica, 09 Febbraio 2014, ore 12.47  AVVISO METEO/CRITICITÀ Valido dalle ore 08.00 di Lunedì, 10 Febbraio 2014 alle ore 00.00 di Mercoledì, 12 Febbraio 2014  Per l’ area A2-Versilia in cui è compreso il comune di Montignoso è stata emessa una CRITICITA’ MODERATA per  PIOGGE valida  dalle ore 08.00 di Lunedì, 10 Febbraio 2014 alle ore 00.00 di Mercoledì, 12 Febbraio 2014

Prima emissione Monitoraggio Evento entro le ore 10.00 di Martedi, 11 Febbraio 2014

2014-02-09 13_33_01-imageFENOMENI METEOROLOGICI PREVISTI

PIOGGIA dalle ore 06.00 di Lunedì, 10 Febbraio 2014 alle ore 18.00 di Martedì, 11 Febbraio 2014: nella giornata di domani, Lunedì, precipitazioni diffuse su tutto il territorio regionale, in estensione al mattino dalla costa alle zone interne. Dal pomeriggio/sera le precipitazioni potranno assumere il carattere di rovescio o temporale.
Cumulati attesi: area A medi 50-60 mm, massimi fino a 130-160 mm in particolare a ridosso dei rilievi; area B medi 40-50 mm, massimi fino a 120-140 (in particolare parte occidentale); aree CD medi intorno a 40 mm, massimi fino a 90-120 mm; aree EF medi intorno a 30 mm, massimi fino a 90-110 mm.
nella giornata di Martedì, le precipitazioni a prevalente carattere di rovescio tenderanno a diventare più sparse e a interessare principalmente le zone orientali e meridionali della regione. Sono attesi cumulati medi intorno a 10-15 mm su CDEF, cumulati medi poco significativi altrove. Massimi fino a 50 mm.

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI

IDROGEOLOGICO-IDRAULICO

Criticità Moderata: Possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane. Possibilità di innalzamento dei livelli idrici nei corsi d’acqua con conseguenti possibili inondazioni localizzate nelle aree contigue all’alveo. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.
Previsione Grafiche da Modello

pcp24hz2_web_3 (3)l’ immagine riporta la previsione di pioggia cumulata cosi come elaborata dal modello meteo WRF-AWR ECM con risoluzione spaziale di 3km. I’immagine mostra la pioggia che il modello vede nell’ intervallo di tempo tra la mezzanotte di Lunedi 1 Febbraio  (00UTC) e la mezzanotte di Martedi 11 Febbraio (00UTC) , associando a un codice di colore una misura della pioggia cumulata. Per la zona di Montignoso dovremmo avere una precipitazione cumulata intorno ai 70 mm/24h  

 

pcp24hz2_web_3 (4)

 l’ immagine riporta la previsione di pioggia cumulata cosi come elaborata dal modello meteo WRF-AWR ECM con risoluzione spaziale di 3km. I’immagine mostra la pioggia che il modello vede nell’ intervallo di tempo tra il mezzogiorno (12UTC) di Lunedi 10 Febbraio   e il mezzogiorno (12UTC) di Martedi 11 Febbraio, associando a un codice di colore una misura della pioggia cumulata. Per la zona di Montignoso dovremmo avere una precipitazione cumulata inferiore a quella prevista nell’ intervallo precedente. [/tab]

Monitoraggio evento - emesso il 10/02/2014 ore 08.31

Situazione .

Attualmente si registrano deboli piogge su tutte le province costiere, con cumulati orari fino a 5 mm e 10 mm in tre ore sulle aree A, C e F.
Vento forte meridionale sull’area C e F, con intensità media fino a 60 km/h e raffica di burrasca fino a 80 km/h sulle colline della sottoarea F1.
Mare molto mosso con altezza d’onda registrata dalla boa di Giannutri attorno a 1,8 m e circa 2,0 m da quella di Castiglion della Pescaia; periodo attorno a 7 secondi.
Livelli idrometrici al momento in lieve aumento sui reticoli delle zone di allerta ricomprese nelle aree di Vigilanza A, C, F e parte occidentale di B.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore sono attese piogge diffuse, che tenderanno ad estendersi al resto del territorio regionale, con intensità debole sulle aree più orientali della regione, moderata o a carattere di rovescio sulle aree A, C, D e F. Cumulati massimi attesi fino a 20-25 mm e medi attorno a 10 mm sulle aree A, C, D, F e parte occidentali di B; massimi fino a 10 mm e medi attorno a 5 mm altrove. I cumulati attesi fino alle ore 0 di domani, Martedì, rimangono in linea con quanto specificato nel presente avviso meteorologico.
Venti di Scirocco e moto ondoso in ulteriore intensificazione sulle aree oggetto dell’avviso, in particolare sull’area F, C4 e C3.

Effetti al suolo: 

Nelle prossime ore i livelli idrometrici di gran parte dei fiumi monitorati continueranno a salire, localmente anche in maniera più repentina di quanto già accaduto. In particolare gli innalzamenti risulteranno più evidenti dapprima sul reticolo medio-piccolo, poi anche sul reticolo principale, dove, in entrambi i casi le altezze idrometriche risultano essere già più alte delle normali condizioni. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Si segnala inoltre la necessità di porre particolare attenzione alla tenuta delle arginature in terra nella fase discendente delle piene per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione, in particolare laddove le precipitazioni di ieri hanno determinato sensibili innalzamenti dei livelli idrometrici, come sul F. Albegna, Ombrone GR, Bruna, Trasubbie, Orcia, Cecina e più in generale su gran parte dei reticoli afferenti alle zone centromeridionali.

Monitoraggio evento - emesso il 10/02/2014 ore 11.25

CUM24 (9)Situazione 

Precipitazioni diffuse su tutta la regione con intensità orarie che vanno da un minimo di 3 mm/h a un massimo di 11 mm/h. Le intensità maggiori si registrano sull’area F (in particolare F2 ed F3) ma anche sull’area A B e C.
Cumulati in 3 ore tra i 10 e i 30 mm, con i valori maggiori su F2, F3, A2 e B5.
Vento forte meridionale sull’area C e F, con intensità fino a 60 km/h.
Mare molto mosso con altezza d’onda registrata dalla boa di Giannutri attorno a 1,8 m e circa 2,0 m da quella di Castiglion della Pescaia; periodo attorno a 7 secondi.
Livelli idrometrici in aumento sui reticoli delle zone di allerta oggetto di Avviso di Criticità emesso ieri. .

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore sono attese piogge diffuse anche a carattere di rovescio o isolato temporale. Cumulati massimi attesi fino a 30-40 mm su A, B, C ed F, fino a 20-25 altrove. Cumulati medi intorno ai 10 mm ovunque. Nelle successive 3 ore condizioni quasi stazionarie salvo ulteriore intensificazione delle precipitazioni sulle aree A e B.
Venti di Scirocco e moto ondoso in ulteriore intensificazione sulle aree oggetto dell’avviso, in particolare sull’area F, C4 e C3.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore i livelli idrometrici di gran parte dei fiumi monitorati continueranno a salire, localmente anche in maniera più repentina di quanto già accaduto. In particolare gli innalzamenti risulteranno più evidenti dapprima sul reticolo medio-piccolo, poi anche sul reticolo principale, dove, in entrambi i casi le altezze idrometriche risultano essere già più alte delle normali condizioni. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Si segnala inoltre la necessità di porre particolare attenzione alla tenuta delle arginature in terra nella fase discendente delle piene per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione, in particolare laddove le precipitazioni di ieri hanno determinato sensibili innalzamenti dei livelli idrometrici, come sul F. Albegna, Ombrone GR, Bruna, Trasubbie, Orcia, Cecina e più in generale su gran parte dei reticoli afferenti alle zone centromeridionali.

Spoiler title

CUM24 (10)Situazione .Precipitazioni diffuse su tutta la regione con intensità orarie massime tra 8 e 13 mm sulle aree A, B, C, F e parte di D, inferiori altrove.
Cumulati in 3 ore tra 25 e 35 mm sulle sottoaree F2, F3, A3, A1, C3, D3 e B5, fino a 55 mm in 6 ore su F2 e F3.
Vento meridionale, forte con raffiche di burrasca sull’area C e F, con intensità media fino a 60 km/h e raffica fino a 80 km/h.
Mare agitato al largo e a sud dell’Elba con altezza d’onda registrata dalla boa di Giannutri attorno a 1,8 m e circa 2,5 m da quella di Castiglion della Pescaia; periodo attorno a 8 secondi.
Livelli idrometrici in aumento sui reticoli delle zone di allerta oggetto di Avviso di Criticità emesso ieri.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore sono attese piogge diffuse anche a carattere di rovescio o isolato temporale. Cumulati massimi attesi fino a 40-50 mm a ridosso dei rilievi di A, B, Colline Metallifere e Monte Amiata (aree C, D e F), fino a 20-25 altrove. Cumulati medi intorno ai 20 mm su A, circa 10 mm altrove. Nelle successive 3 ore condizioni quasi stazionarie con cumulati analoghi alle prossime 3 ore.
Per le prossime 3 ore, ancora vento meridionale, forte con raffiche di burrasca, con intensità stazionaria sull’area C e F, in aumento a ridosso dei rilievi e zone sottovento all’Appennino (altre aree).
Ancora mare agitato al largo e a sud dell’Elba con altezza d’onda in ulteriore aumento (area C e F).

Effetti al suolo: Nelle prossime ore i livelli idrometrici di gran parte dei fiumi monitorati continueranno a salire, localmente anche in maniera più repentina di quanto già accaduto. In particolare gli innalzamenti risulteranno più evidenti ancora sul reticolo medio-piccolo, successivamente anche sul reticolo principale, dove, in entrambi i casi le altezze idrometriche risultano essere già più alte delle normali condizioni. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Si segnala inoltre la necessità di porre particolare attenzione alla tenuta delle arginature in terra in una attuale nuova fase ascendente delle piene per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione, in particolare laddove le precipitazioni di ieri hanno determinato sensibili innalzamenti dei livelli idrometrici (e dove attualmente sono di nuovo in atto sensibili innalzamenti), come sul F. Albegna, Ombrone GR, Bruna, Trasubbie, Orcia, Cecina e più in generale su gran parte dei reticoli afferenti alle zone centromeridionali

NOTA

Al pluviometro di Cerreto facente parte della rete del Centro Funzionale Regionale sono caduti 33,4 mm nelle ultime 24 ore 2014-02-10 14_59_23-CFR - Pluviometria

Al pluviometro di Porta Fornace della rete di MeteoApuane risultano 30,6 mm dall’ inizio evento.

Monitoraggio evento - emesso il 10/02/2014 ore 16.50

CUM24 (11)Situazione .

Precipitazioni diffuse su tutta la regione con intensità orarie massime tra i 15 e 20 mm sulle aree A e D3, comprese tra 5-10 altrove.
Cumulati in 3 ore sino a 50 mm sulle sottoaree A3, A1 e D3 e 20-30 mm sulle restanti parti di A.
Quota neve oltre 1300 metri.Livelli idrometrici in aumento sui reticoli delle zone di allerta oggetto di Avviso di Criticità emesso ieri. Si segnala in particolare il superamento della seconda soglia di riferimento sul fiume Albegna a Marsiliana (max 6,23 m szi alle 15.00), sul Bruna a Macchiascandona (4,91 alle 16:00), sul Cecina e sul Sovata. Si segnalano inoltre innalzamenti generalizzati con superamento della prima soglia di riferimento sul fiume Cecina, Ombrone Pt (a Pontelungo 1,76 m szi alle 16:00) e Bisenzio.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore è atteso il proseguimento delle piogge diffuse e insistenti su gran parte della regione; le piogge potranno essere a tratti di forte intensità in particolare su Apuane e Appennino settentrionale. Cumulati massimi attesi fino a 50-60 mm sui rilievi di A, B e di 20-30 mm sulle Colline Metallifere e Monte Amiata (aree C, D e F), fino a 10-20 mm altrove. Quota neve in ulteriore rialzo a 1400-1500 metri.
Successivamente (dopo le 20 circa) graduale attenuazione sulle zone centro-meridionali, mentre sulle zone settentrionali le precipitazioni diverranno più sparse ma potranno risultare a prevalente carattere di forte rovescio con cumulati anche di 20-30 mm in poco tempo su aree limitate.
Per le prossime 3 ore, ancora vento meridionale, forte con raffiche di burrasca, con intensità stazionaria sull’area C e F.
Ancora mare agitato al largo e a sud dell’Elba con altezza d’onda stazionaria o in calo (area C e F).

Effetti al suolo: Nelle prossime ore i livelli idrometrici di gran parte dei fiumi monitorati continueranno a salire, localmente anche in maniera repentina all’occorrenza dei fenomeni meteorologici più intensi. In particolare gli innalzamenti risulteranno più evidenti sull’Ombrone PT, Bisenzio, sui bacini costieri centro-meridionali, sul reticolo medio in generale e successivamente anche sul reticolo principale. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Per le aree oggetto di avviso in corso si confermano possibili criticità di carattere idraulico connesse alla tenuta delle arginature in terra per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione e a fenomeni di erosione.

Monitoraggio evento - emesso il 10/02/2014 ore 19.37

CUM24 (12)Situazione .

Piogge diffuse su tutta la regione con intensità orarie massime tra 15 e 20 mm sulle aree A3-A4, fino a 10 mm altrove. Cumulati in 3 ore fino a 50-60 mm su A3, 30-40 mm sulla restante parte di A e sulle zone appenniniche di B. Neve oltre 1700 metri di quota.Livelli idrometrici in aumento su quasi tutti i reticoli delle zone di allerta oggetto di Avviso di Criticità emesso ieri. In particolare si segnalano i maggiori incrementi nei bacini dell’Ombrone-PT, Bisenzio, Cecina, Bruna, Trasubbie e Albegna, anche con superamento della seconda soglia di riferimento. Generali incrementi sulle aste principali con superamenti del primo livello di riferimento.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 1/2 ore è atteso il proseguimento delle piogge diffuse e insistenti su gran parte della regione; le piogge potranno essere a tratti di forte intensità in particolare su Apuane e Appennino. Successivamente graduale attenuazione sulle zone centro-meridionali, mentre su quelle settentrionali le precipitazioni diverranno più sparse ma potranno risultare a prevalente carattere di forte rovescio con cumulati anche di 20-30 mm in poco tempo su aree limitate. Cumulati medi nelle prossime 3 ore su A e B intorno a 10-15 mm, 5-10 mm sulle altre aree. Cumulati massimi attesi fino a 40-60 mm sui rilievi di A, B e di 20-30 mm sulle Colline Metallifere e Monte Amiata (aree C, D e F), fino a 10-20 mm altrove. Quota neve intorno a 1700 metri.

Effetti al suolo:  Nelle prossime ore i livelli idrometrici di gran parte dei fiumi monitorati continueranno a salire, localmente anche in maniera repentina all’occorrenza dei fenomeni meteorologici più intensi.Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Per le aree oggetto di avviso in corso si confermano possibili criticità di carattere idraulico connesse alla tenuta delle arginature in terra per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione e a fenomeni di erosione.

Monitoraggio evento - emesso il 10/02/2014 ore 22.45

CUM24 (13)Situazione .

Nell’ultima ora piogge a carattere sparso con intensità orarie massime fino a 10 mm sulle aree B2 e C2. Cumulati in 3 ore fino a 20-25 mm su A3, A4, B3, B5 (Appennino pistoiese, pratese e fiorentino). Neve oltre 1500-1600 metri di quota.
Livelli idrometrici in aumento nei tratti terminali del Bisenzio e dell’Ombrone-PT ben al di sopra della seconda soglia di riferimento; le stazioni di monte registrano diminuzioni dei livelli. Sempre nel bacino dell’Arno si registrano incrementi sulla Sieve anche oltre la seconda soglia di riferimento (Fornacina 3,66 mszi 21:30), sulla Pesa, sull’Elsa e sull’Era, con generali superamenti del primo livello di riferimento. Aumenti dei livelli nel tratto vallivo del Cecina, con superamento anche della seconda soglia di riferimento. Generali incrementi dei livelli si registrano sull’asta principale dell’Arno, dell’Ombrone Gr e nel tratto terminale del Serchio. In diminuzione i livelli dei bacini del Magra, Cornia e Bruna. Nel Bacino dell’Albegna è attualmente in transito la piena alla stazione di Marsiliana con un livello superiore alla seconda soglia di riferimento.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore sono attesi rovesci sparsi, più frequenti sulle zone centro-settentrionali. I fenomeni insisteranno in particolare a ridosso dei rilievi appenninici delle province di Firenze e Prato e nel Chianti. Cumulati massimi attesi fino a 20-30 mm sui rilievi di B, fino a 10-20 mm sulle altre zone. Intensità oraria fino a 10-15 mm. Quota neve intorno a 1500 metri.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore saranno possibili ulteriori innalzamenti dei livelli idrometrici sui bacini del Bisenzio, Ombrone PT e Sieve. Si evidenzia che sull’asta principale dell’Arno si prevedono ulteriori generali innalzamanti con sicuro superamento diffuso della prima soglia di riferimento; attualmente si stima una portata in transito all’idrometro di nave di Rosano di circa 1000 mc/sec, in aumento. Si attendono innalzamenti idrometrici anche sull’Ombrone GR, Serchio e sul Cecina. Non si escludono comunque innalzamenti nel reticolo secondario all’occorrenza delle piogge previste di maggiore intensità. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Per le aree oggetto di avviso in corso si confermano possibili criticità di carattere idraulico connesse alla tenuta delle arginature in terra per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione e a fenomeni di erosione.

Monitoraggio evento - emesso il 11/02/2014 ore 01.04

Situazione .

Nell’ultima ora piogge sparse a prevalente carattere di rovescio sull’area B e sulla parte settentrionale di D ed E con intensità media tra i 5 e 8 mm e punte fino a 13 mm sull’area D4. Cumulati in 3 ore fino a 20-30 mm su B2, B1 e D4 (Chianti fiorentino e Mugello). Neve oltre 1500 metri di quota.

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime tre ore (00-03) precipitazioni a carattere di rovescio o locale temporale sulle province di Massa Carrara, Lucca, Livorno e sull’Appennino Pistoiese (area A e parte settentrionale di C). Sul resto della regione piogge sparse in temporanea attenuazione. Nelle successive 3 ore (03-06) le precipitazioni più intense interesseranno l’area C, la parte settentrionale di D e la parte occidentale di B; altrove attesa una generale ripresa delle piogge con locali rovesci. Nelle prossime tre ore (00-03) attesi cumulati massimi fino a 30-40 mm sui rilievi dell’area A (Apuane, Appennino Settentrionale); sulle medesime zone attesi cumulati orari fino a 15 mm. Quota neve intorno ai 1400 m sull’Appennino Tosco-Emiliano.

Effetti al suolo:  Si attendono ulteriori innalzamenti idrometrici anche  sul reticolo dell’area A dove è prevista la ripresa delle piogge. Non si escludono comunque innalzamenti nel reticolo secondario all’occorrenza delle piogge previste di maggiore intensità. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Per le aree oggetto di avviso in corso si confermano possibili criticità di carattere idraulico connesse alla tenuta delle arginature in terra per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione e a fenomeni di erosione.

Monitoraggio evento - emesso il 11/02/2014 ore 6.54

CUM3Situazione .

Nell’ultima ora piogge sparse, anche a carattere di breve rovescio, sulle aree A, B, C, D con cumulati massimi puntuali fino a 4-6 mm. Cumulati in 3 ore fino a 15-20 mm sull’area B (in particolare sulla sottozona B3). Livelli diffusamente sopra la prima soglia di riferimento seppure in generale diminuzione nelle zone oggetto di avviso elevato ad eccezione, in quanto sono in crescita, delle sezioni monitorate sull’asta principale dell’Arno a valle dell’idrometro di Ponte a Signa e delle sezioni di valle dell’Ombrone Pt e Gr. (Poggio a Caiano, Istia e Berrettino).

Evoluzione 

Meteo: Nelle prossime 3 ore (07-10) precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio, interesseranno in particolare le aree C, D e B con cumulati massimi fino a 15 mm e massimi orari fino a 10 mm. Sul resto della regione brevi precipitazioni a carattere sparso. Quota neve intorno ai 1200-1300 m sull’Appennino Tosco-Emiliano. Nelle successive 3 ore i fenomeni tenderanno a spostarsi verso est attenuandosi.

Effetti al suolo: Si manterranno livelli idrometrici elevati sul reticolo delle aree oggetto di allerta. Si confermano per l’asta principale dell’Arno ulteriori generali innalzamenti con superamento diffuso delle soglie di riferimento. É atteso il transito del picco dell’onda di piena nella città di Pisa circa a metà mattina con una altezza idrometrica significativa. Si attendono ulteriori innalzamenti idrometrici anche sull’Ombrone GR per il transito della piena. Non si escludono comunque innalzamenti nel reticolo secondario all’occorrenza delle piogge previste di maggiore intensità. Saranno inoltre possibili riattivazioni di dissesti geomorfologici in zone già precedentemente interessate dagli abbondanti e ripetuti cicli di pioggia, nonché saranno possibili nuovi smottamenti e frane. Per le aree oggetto di avviso in corso si confermano possibili criticità di carattere idraulico connesse alla tenuta delle arginature in terra per il rischio di collasso dovuto allo stress di un prolungato periodo di imbibizione e a fenomeni di erosione.

Monitoraggio evento - emesso il 11/02/2014 ore --.--

Situazione .

 

Evoluzione 

Meteo: 

Effetti al suolo: 


ilmonitoraggio

cfr2 lamma mi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: