26 Luglio 2014

Il centro funzionale regionale ha  EMESSO il Bollettino di Vigilanza Meteo  per oggi 26 Luglio 2014 
Per l’ area A2-Versilia in cui è compreso il comune di Montignoso è stata emessa una CRITICITA’ ORDINARIA ( livello giallo )   per TEMPORALI  

criticità ordinaria

FENOMENI METEOROLOGICI PREVISTI

oggi, sabato, dal pomeriggio precipitazioni sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale, localmente anche di forte intensità ed associate a grandinate. In serata tendenza ad attenuazione delle precipitazioni. 
Cumulati medi intorno ai 10 mm sulle aree A, B, D, E con massimi puntuali fino a 50-80 mm, più probabili sui rilievi e le zone prossime ai rilievi (intensità orarie fino a 50-70 mm/h). Cumulati medi intorno a 5-10 mm sulle aree C ed F con massimi puntuali fino a 40-50 mm sull’area C (meno probabili sull’Arcipelago) e 30-40 mm sulla F. Su queste due aree attese intensità orarie fino a 30-40 mm/h.

Descrizione delle CRITICITÀ ORDINARIE: 

La marcata instabilità prevista per la giornata di oggi, sabato 26 luglio, darà luogo ad un nuovo peggioramento su tutta la regione con precipitazioni sparse a prevalente carattere di rovescio o temporale, localmente anche di forte intensità ed associate a grandinate.
Su tutte le aree indicate in tabella in considerazione delle piogge previste nel Bollettino di Vigilanza, saranno possibili allagamenti localizzati ad opera di repentini innalzamenti idrici del reticolo idraulico secondario e/o fenomeni di rigurgito del sistema di smaltimento delle acque piovane con coinvolgimento delle aree urbane più depresse. Possibilità di allagamenti e danni ai locali interrati, di provvisoria interruzione della viabilità, specie nelle zone più depresse, scorrimento superficiale nelle sedi stradali urbane ed extraurbane, possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.
Durante gli eventi più intensi, quali temporali accompagnati da fulmini, rovesci di pioggia e grandinate, d’incerta previsione sia spaziale che temporale, gli effetti sul territorio potranno essere localmente significativi.

DESCRIZIONE DEGLI SCENARI DI EVENTO PREVISTI

IDROGEOLOGICO-IDRAULICO

Criticità ORDINARIA: Possibili allagamenti diffusi nelle aree depresse dovuti a ristagno delle acque, a tracimazioni dei canali del reticolo idrografico minore e all’incapacità di drenaggio da parte della rete fognaria dei centri urbani. Possibile scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali urbane ed extraurbane. Possibilità di innalzamento dei livelli idrici nei corsi d’acqua con conseguenti possibili inondazioni localizzate nelle aree contigue all’alveo. Possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.
Previsione Grafiche da Modello e Dati di pioggia rilevati dai sensori CFR

Pioggia Cumulata prevista dal modello ARWGFS nelle 24 ore precedenti alle ore 00UTC del 27 Luglio 2014

Precipitazioni cumulate nelle precedenti 12 ore

Precipitazioni cumulate nelle precedenti 24 ore misurata alle ore 16,30 del 26 luglio

totale piogge cumulate nella giornata di Sabato 26 Luglio 2014 - Fonte : CFR

totale piogge cumulate nella giornata di Sabato 26 Luglio 2014 – Fonte : CFR

Pluviometro di cerreto CFR

Pluviometro di cerreto CFR

Monitoraggio evento - emesso il 26/07/2014 13.57

Situazione .

Nel corso delle ultime 3 ore si sono registrate intense precipitazioni a carattere di rovescio temporalesco sull’area A (subarea A2) ,con massimi puntuali fino a 70 mm circa (stazione Vara) e 80 mm (stazione Vergheto). Registrati massimi puntuali fino a 30/40 mm in una/due ore sulle altre subaree della A (in particolare A3). Intensità massime orarie fino a 45 mm/h (stazione Candia Scurtarola, subarea A2). Al momento si registrano innalzamenti idrometrici nel reticolo secondario afferente alle zone di allerta ricomprese nell’area A, principalmente sul Frigido, con livelli che rimangono al di sotto delle soglie di riferimento; sul bacino del Carrione, dopo una temporanea e breve fase di innalzamenti idrometrici, attualmente i livelli sono in diminuzione. 

Evoluzione 

Meteo: I rovesci attualmente in atto sono attesi in spostamento dall’area A verso le altre aree evidenziate in vigilanza, entro le prime ore del pomeriggio.

Effetti al suolo: Sulla base delle precipitazioni a carattere temporalesco finora registate ed in considerazione di quelle previste nelle prossime ore, in concomitanza dei temporali più intensi saranno possibili repentini incrementi dei livelli idrometrici sul reticolo minore nelle zone di allerta indicate in tabella Sintesi delle Criticità. Saranno altresì possibili inneschi di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 26/07/2014 15.12

Situazione .

Nell’ultima ora si registra un’intensa attività temporalesca sull’area A, parte alta di C e nei pressi dell’isola di Capraia e Gorgona e sull’area E (subaree E1-E2). Fulmini isolati si registrano anche sull’area B. Cumulati massimi registrati sull’ora fino a 65 mm (stazione di Bocca di Serchio, subarea A2), 50 mm (stazione Lido di Camaiore, subarea A2). Al momento si registrano contenuti innalzamenti idrometrici nel reticolo secondario afferente alle zone di allerta ricomprese nell’area A (Camaiore, Versilia, Lima) con livelli che rimangono al di sotto delle soglie di riferimento. Sul Frigido, così come precedentemente sul Carrione, dopo una temporanea e breve fase di innalzamenti idrometrici, attualmente i livelli sono in diminuzione. . 

Evoluzione 

Meteo: I rovesci attualmente in atto sono attesi in spostamento dall’area A verso le altre aree evidenziate in vigilanza, entro le prime ore del pomeriggio. I cumulati massimi puntuali potranno raggiungere i 50-80 mm possibili anche in poche ore.

Effetti al suolo: Si conferma che sulla base delle precipitazioni a carattere temporalesco finora registate ed in considerazione di quelle previste nelle prossime ore, in concomitanza dei temporali più intensi saranno possibili repentini incrementi dei livelli idrometrici sul reticolo minore nelle zone di allerta indicate in tabella Sintesi delle Criticità. Saranno altresì possibili inneschi di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Monitoraggio evento - emesso il 26/07/2014 20.12

Situazione .

Nelle ultime tre ore si registra attività temporalesca sulle aree CDE. Registrati cumulati massimi puntuali fino a 50-70 mm in particolare su C al confine con F e D (70 mm stazione di Lago, subarea C3 con intensità oraria fino a 53 mm). Cumulati attorno a 15-20 mm su E, generalmente inferiori su D. Si continuano a registrare generali, contenuti ed estemporanei innalzamenti idrometrici, in concomitanza con i temporali più intensi, nel reticolo secondario principalmente afferente ai bacini della zona meteo C e sul Cornia; tutti i livelli rimangono comunque ben al di sotto delle soglie di riferimento.

Evoluzione 

Meteo: INelle prossime ore fino a fine giornata si prevede una graduale attenuazione dei rovesci temporaleschi. Possibili residue precipitazioni più intense su C o parte alta di F con cumulati massimi puntuali fino a 40-50 mm. Nella fase risolutiva della perturbazione, primissime ore della notte, sono attese piogge solo occasionalmente a carattere di rovescio che torneranno a interessare le aree AB in particolare a ridosso dei rilievi. Nottetempo possibili precipitazioni generalmente di debole intensità in estensione alle altre aree.

Effetti al suolo: Nelle prossime ore, in occasione delle previste precipitazioni residue a carattere temporalesco, permane sempre la possibilità di repentini incrementi dei livelli idrometrici sul reticolo minore nelle zone di allerta indicate in tabella Sintesi delle Criticità, con maggiore probabilità nei bacini afferenti le aree meteo C. Saranno altresì possibili inneschi di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica.

Nota

Martedì, 29 Luglio 2014 marcato peggioramento con piogge intense e diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale su tutta la regione. Venti forti di Libeccio e mare molto mosso a nord dell’isola d’Elba.

Si consiglia di seguire gli aggiornamenti delle previsioni sul sito del CFR Toscana, il link è a fondo pagina.  

Si ricorda che la criticità ORDINARIA, caratterizzato dal colore giallo,  pur non prevedendo l’ emissione di un avviso di criticità comporta comunque un livello di attenzione di consapevolezza, sopratutto con condizioni meteorologiche  favorevoli allo sviluppo di temporali, che per loro natura sono di difficile localizzazione in temini di tempo e spazio.

Pertanto è opportuno ricordare la definizione data dalla Regione Toscana di Criticità Ordinaria per rischio idrogeologico-idraulico :
PER PIOGGIA e TEMPORALI: possibili allagamenti localizzati ad opera del reticolo idraulico secondario e/o fenomeni di rigurgito del sistema di smaltimento delle acque piovane con coinvolgimento delle aree urbane più depresse. Possibilità di allagamenti e danni ai locali interrati, di provvisoria interruzione della viabilità, specie nelle zone più depresse, scorrimento superficiale nelle sedi stradali urbane ed extraurbane, possibilità di innesco di frane e smottamenti localizzati dei versanti in zone ad elevata pericolosità idrogeologica. Al manifestarsi di eventi intensi, quali temporali accompagnati da fulmini, rovesci di pioggia e grandinate, d’incerta previsione sia spaziale che temporale, gli effetti sul territorio potranno essere localmente anche significativi. 

 


ilmonitoraggio

cfr2 lamma mi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: